Aquaponics Farm – an haven for committed Dreamers

guida all’acquaponica ornamentale: LA CARPA KOI

L’allevamento della carpa koi ci apre alle opportunità dell’Acquaponica ornamentale.

Infatti il valore economico di questa specie ittica dipende dalla sua livrea e dalla taglia raggiunta in un certo tempo. Ciò significa che ciò che conta è la qualità e non la quantità.

Questa è la ragione per cui io la consiglio sempre a chi desidera avviare un business di Acquaponica investendo un capitale modesto. Oltre ad avere a disposizione una superficie ridotta per la costruzione dell’impianto.

Sebbene si conosca l’Acquaponica principalmente come sistema per la produzione agroalimentare, ha un grosso potenziale per la soddisfazione della domanda del mercato ornamentale. Difatti l’Acquaponica garantisce le condizioni ideali per l’allevamento di questa e altre specie ornamentali molto richieste. Inoltre al prezzo di ogni esemplare si aggiunge il valore dovuto alla percezione di una maggiore salubrità di questo sistema.

Comunque secondo la mia esperienza fra le specie ittiche la Carpa Koi e le varietà Fancy di Pesce rosso sono le migliori da scegliere per il proprio business di Acquaponica ornamentale. Soprattutto grazie ai loro colori, alla varietà delle livree e alla loro docilità in allevamento. Insieme alle dimensioni che possono raggiungere e alla facilità con cui si riescono ad addomesticare.

SE VUOI SAPERNE DI PIÙ FREQUENTA IL NOSTRO 1-WEEKEND WORKSHOP>>

tour-workshop

Workshop di un weekend sull’allevamento di Carpe koi e varietà fancy di Pesci rossi in Acquaponica

In questo corso di formazione di 19 ore, condivideremo con voi la nostra esperienza in Acquaponica, concentrando la nostra attenzione sull'allevamento e la selezione delle varietà di alto valore di Carpa Koi e Pesce Rosso varietà Fancy. Pertanto, parleremo di produzione acquaponica rivolta al mercato ornamentale. Questo workshop include lezioni teoriche e attività pratiche per un weekend full-immersion nella nostra fattoria acquaponica in Toscana.

€499.00

acquaponica ornamentale carpa koi

Carpa koi varietà Orenjii Ogon

Ho iniziato ad allevare le carpe koi da quando ho approfondito l’Acquaponica. Siccome l’ho individuata come una specie ittica facile da riprodurre ed attraente per il mercato. Soprattutto vista l’attenzione e la passione necessarie per selezionare ed allevare per anni i futuri campioni.

A questo proposito vi racconto la mia esperienza iniziale con le koi.

cosa aspettarsi quando si acquistano delle carpe koi

I miei primi acquisti sono state giovani carpe koi di 8-10 cm. di lunghezza. Purtroppo le trovai già parassitate e quindi bisognose di cure. Nonostante le assicurazioni del fornitore.

Ovviamente viste le premesse mi sono subito dovuto confrontare con l’esperienza altrui per fare una diagnosi specifica. Così come quale trattamento medico somministrare per liberarle dai parassiti.

Ciò mi ha insegnato come sia purtroppo abbastanza comune acquistare degli esemplari malati o indeboliti. In particolare quando si comprano da allevamenti intensivi.

Infatti una delle parassitosi che si diffonde più facilmente in condizioni di sovraffollamento è causata dagli ectoparassiti. Questi si insediano sulla pelle dei pesci e possono annidarsi anche nelle loro branchie finendo per soffocarli. Portando, se non presa in tempo, ad un’epidemia dentro la vasca. Come il fungo del genere Branchiomyces.

Un funghetto diabolico

acquaponica ornamentale carpa koi

Carpa koi varietà Ki Utsuri

Ad esempio l’anno scorso io e la mia famiglia abbiamo dovuto affrontare un caso di epidemia causata da questo parassita. Si è diffuso in vasca dopo essere stato introdotto da pesci rossi Sarasa appena importati. Questi erano stati quarantenati dal fornitore ma evidentemente qualche ifa fungina era ancora presente sulle branchie degli individui portatori.

La manifestazione dell’infezione è stata favorita dall’alta temperatura in vasca dovuta al clima estivo. Non a caso una delle prime azioni di pronto soccorso è quella di abbassare la temperatura dell’acqua al di sotto i 20 gradi.

In sostanza i pesci rossi prima di morire hanno fatto in tempo a trasmettere il fungo anche ad un paio delle nostre preziose koi. In questo modo i pesci si sono trovati ad assumere un comportamento di nuoto letargico respirando affannosamente sotto la superficie dell’acqua.

La nostra azione è stata intralciata dall’impossibilità di agire sulla regolazione della temperatura. In quanto la vasca era una piscina di 2.000 litri dentro una serra ed eravamo in agosto. La temperatura era di 28 gradi centigradi; per una carpa koi, animale di acqua fredda, questo valore inizia ad essere un fattore di stress.

acquaponica ornamentale carpa koi
Pesce rosso Sarasa

I LIBRI CI VENGONO IN SOCCORSO

Pertanto in nostro aiuto è arrivata la lettura di un vecchio libro della nostra biblioteca. Abbiamo così rintracciato una vecchia formula a base di solfato di rame che ci ha permesso di preparare un medicinale. Il trattamento è durato 10 giorni ma ha permesso di liberarci del mortale fungo evitando la perdita di altre pesci. Infatti il bilancio è stato molto contenuto, registrando soltanto 2 carpe decedute a fronte di una trentina di esemplari. Al contrario è stato più alto il numero dei pesci Sarasa morti.

Decisiva è stata comunque una attenta pulizia e disinfezione della vasca e del circuito idraulico utilizzando sempre un trattamento adatto all’Acquaponica.

Questa parassitosi è uno dei punti sensibili nell’allevamento delle carpe koi. D’altra parte, essendo queste animali di razza, frutto di diverse selezioni, sono anche piuttosto adattabili e resistenti. Perciò basta il giusto occhio e know-how per assicurarsi il massimo della resa.

Ancor più visto che sono creature molto longeve. Addirittura l’esemplare più più vecchio fino ad oggi conosciuto è arrivato a 226 anni! Per questa ragione sono considerate da molti appassionati e proprietari di laghetti come ottimi animali da compagnia.

Cosa ho imparato da quella esperienza?

  1. Mai fidarsi dello stato di salute di pesci acquistati nonostante le assicurazioni del fornitore. Sempre eseguire un periodo di almeno una settimana di quarantena.
  2. Internet è una risorsa informativa meravigliosa ma eccessivamente impegnativa quando si tratta di trovare l’informazione giusta. Specialmente se si ha poco tempo a disposizione. Quindi è importante mantenere anche un accesso ai buoni vecchi testi di carta e ad altre fonti analogiche tradizionali.
  3. Quando si deve fare un trattamento medico in un impianto acquaponico si deve sempre ricordare che il medicinale può risultare tossico anche per i batteri e le piante. In particolare se sono commestibili. Quindi fare uno studio appropriato e consultarsi sempre con chi ne sa di più.
  4. Allevare pesci di grande valore può essere alla portata di tutti. A condizione di avere l’umiltà di studiare ed imparare da chi ha percorso precedentemente la vostra stessa strada.

Improvvisarsi esperti oppure affidarsi alla fortuna (del tipo “io spero che me la cavo”), difficilmente porta buoni risultati.

UNISCITI ALLA NOSTRA COMMUNITY. RESTA SEMPRE AGGIORNATO E RICEVI CONSIGLI PER IL TUO BUSINESS!

In elaborazione…
Successo! Ti sei unito alla Community

Morale

In definitiva chiunque all’inizio parte da zero, perfino gli allevatori professionisti più esperti. Pertanto bisogna essere tranquilli e fiduciosi sulle proprie capacità tenendo a mente il famoso detto:

Fate il primo passo con fiducia. Non è necessario vedere tutta la scala, basta salire il primo gradino.

Martin Luther King

acquaponica ornamentale carpa koi

Carpa koi varietà Tancho
acquaponica ornamentale carpa koi
Incontri del terzo tipo 🙂
Per essere sempre aggiornato, seguici sulla nostra Pagina Facebook>>Torna al mio Diario>>

VISITATE ANCHE LE MIE PAGINE SU:

LINKEDIN >>

PINTEREST >>

TUMBLR >>

Torna al mio Diario>>

Next Post

Previous Post

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

© 2019 My Rivendell

Theme by Anders Norén

Did you find this article helpful? Then, like & share it!

Contact us
%d bloggers like this:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this. Privacy Policy link is located on the bottom of the page.

Close